VERSO

A proposito di niente

Non lo so dove sto andando, intanto…vivo. Erro. Mi godo il mondo: tra quattro mura…e poi un po’ fuori. Un po’.

Oggi sono al parco, in compagnia di tanti bimbi, mamme, papà, nonne nonni, coppie, ragazzini….

La gente non sa dove andare. 

Non è che non percorre selciato, isolati, asfalto, prato, parcheggio, auto….è che non lo sa. Qual è l’obiettivo. Alla fine. Dopo tutto questo….ma qual è? Lo scopo del parrucchiere? tagliarsi i capelli! Lo faccio a casa. Farsi la tinta, il colore! Beh…lo posso fare anche a casa. Vedere gente…sentire gente…che parla di me, del mio capello, di come sta, di quanto è sfibrato, di che trattamento uso, userei, userà, di cosa bisogna fare, non fare, procedere per…che parla parla parla…e vedere me…là riflesso nello specchio. E credere…sottolineo, credere…che sia importante, anzi no, che sia indispensabile, necessario…: UN APPUNTAMENTO, VERO E PROPRIO.

Siamo LIBERI, siamo stati liberati, da cosa?

C’è molto più rumore, traffico, risa, grida, amici, passeggiate, gelati, in cono o in coppetta, PIZZAAAA!!!, al forno a legna!!!, ma non sappiamo che farci…ancora…con tutta questa libertà…ancora ce n’è da fare… Siamo un po’ incerti, impacciati, che faccio, entro a prenderlo il gelato? oppure no? aspetto…magari domani, magari prossima settimana…e il negozio di scarpe, quelle con il plateau ed il tacco bellissime…in altri tempi le avrei già provate: ora le guardo come se fossi al museo. Sono là, lassù in alto e…le guardo. E mi metto a ridere perché mi chiedo: a che servono ? a camminare! ma cammino con queste che già ho ai piedi. Sono estive, sono più belle! Ma sono scarpe, e io già cammino, con le mie scarpe…

Mi fermo ad una vetrina e mi guardo, riflessa. Ho la mascherina su. Mi aggiusto i capelli, gli occhiali da sole sui capelli, mi guardo e dico: ecco la nuova me, ma perchè quella vecchia com’era? Non me la ricordo più…la leggerezza di uscire senza niente, senza guanti, senza mascherina (o su o in borsa, comunque c’è), senza gel igienizzante mani, senza…ma è scoppiata una bomba per caso nel frattempo?

E’ un’altra civiltà…umana…Sì. POST….

Obiettivi. Stimoli. Chi siamo? Chi sei? Chi sono? Avatar… avatar ovunque…a strapiombo…

Questo blog si ferma qua…perché per scrivere per me (e quindi per voi), devo prima scrivere di me, attraverso noi…voi…il mondo…un mondo fatto… di niente.

Verso…

THE END.

Roma, 20 maggio 2020

Pubblicato da CARLA DI DONATO

Ricercatrice Indipendente, Dottore di Ricerca in Teatro ed Arti dello Spettacolo presso le Università Sorbonne Nouvelle/Paris III e Roma Tre, Curatrice progetti di formazione del pubblico, drammaturga e autrice, giornalista freelance, danzatrice ed insegnante di danza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: